Programma

Programma

Il programma preliminare dell'edizione 2018 di FarmacistaPiù sarà reso pubblico nei prossimi giorni.
Di seguito alcune anticipazioni.


Roma - 12/13 ottobre 2018

Il paziente, il farmacista, la farmacia e l'alleanza interprofessionale per la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale

"FarmacistaPiù rappresenta, ancora una volta, un'occasione unica di confronto sulle sfide in atto tra tutti gli attori del Sistema: gli interlocutori Istituzionali, le Società Scientifiche, gli Organismi professionali. L'obiettivo unanime è quello di accogliere il maggior numero di idee e opportunità per il rilancio del ruolo del farmacista, in un momento di costante cambiamento professionale.

Venerdì 12 Ottobre ci saranno gli approfondimenti tecnico-professionali, articolati in tre convegni. Il primo farà il punto sull'aderenza alle terapie e la governance delle cronicità, mentre nel secondo si svolgerà un approfondimento sullo stato del Servizio Sanitario nazionale a quarant'anni dalla Legge 833/1978 e si aprirà un confronto per disegnare un percorso condiviso di ammodernamento che ne conservi i tratti solidaristici e universali. Il terzo convegno fa fede al titolo del congresso, dedicato a una nuova alleanza interprofessionale per la sostenibilità del Servizio Sanitario. Sempre Venerdì, in ricordo di Giacomo Leopardi, indimenticato presidente di Fofi, sarà presentato un libro a lui dedicato.

Il sabato sarà consegnata la sintesi delle risultanze dei tre convegni in due differenti "plenarie": nella prima affronteremo i temi di politica professionale, nella logica di condividere con il ministro un'evoluzione delle nostre competenze; nella seconda approfondiremo le politiche sindacali con Federfarma che presenterà la Rete delle reti. Un terzo spazio il sabato sarà dedicato a capire come le tecnologie, la sanità digitale e le app possano costituire un valore aggiunto per l'utenza in termini di maneggevolezza, tempestività, efficienza ed economicità"

 

On. Luigi D'Ambrosio Lettieri,
Presidente Comitato Scientifico FarmacistaPi¨



"Il progetto della Federazione degli Ordini che FarmacistaPiù fosse la casa di tutti farmacisti giunge oggi alla quinta edizione, un traguardo che testimonia la validità di una formula centrata sull'analisi dei temi centrali della nostra professione, ma soprattutto del contributo che i farmacisti italiani possono dare alla salvaguardia del sistema salute nella sua interezza. Questa quinta edizione sarà più breve, due giorni anziché tre.

Questa scelta è stata determinata da una serie di fattori che a breve potrebbero portare a un cambiamento significativo della formula. Infatti, d'intesa con Utifar e Federfarma, stiamo operando per far sì che tutte le componenti professionali si trovino riunite in un unico appuntamento annuale. Non un ritorno al passato, sia chiaro: abbiamo dato vita a FarmacistaPiù perché non era pensabile che la nostra professione fosse ospite di una kermesse in cui altri erano i padroni di casa.

L'Italia, così come l'intera Unione europea, sta attraversando un periodo di prolungato rallentamento economico, cui si accompagna una fase di importanti restrizioni di bilancio, che a loro volta si traducono in politiche volte a limitare o ridurre la spesa per i servizi sanitari. La sanità è, infatti, un importante settore del bilancio pubblico e, in quanto tale, è inevitabilmente oggetto di ripetuti interventi di contenimento.

In questo contesto, appare più corretto parlare di rilancio dei valori fondamentali alla base del nostro sistema di tutela della salute e di rinnovamento del SSN che di sostenibilità del servizio sanitario. Il servizio sanitario nazionale deve essere adeguato ed in grado di rispondere - in tutte le regioni italiane - ai bisogni di salute della popolazione"

 

On. Andrea Mandelli,
Presidente Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani



Anche Federfarma collabora fattivamente a FarmacistaPiù, che giunto alla sua V Edizione, intende esplorare gli orizzonti in cui la nuova governance sanitaria prende forma e promuovere un confronto programmatico su nuovi paradigmi di cura e prevenzione di cui il farmacista e la farmacia intendono farsi carico.

Ancora una volta il lavoro di squadra premia. Stiamo conseguendo così, come ci eravamo prefissati all'inizio di questa avventura della nostra nuova governance, importanti risultati.

FarmacistaPiù è un'occasione centrale per Federfarma di sviluppare la collaborazione con FOFI e Utifar per l'evoluzione della professione e proseguire il confronto su temi cruciali per il futuro della farmacia, per consolidare le sinergie con tutti gli attori del sistema salute e per approfondire con loro temi fondamentali per la governance farmaceutica

 

Marco Cossolo,
Presidente Federfarma



"I temi di cui discutere saranno molteplici in questa edizione di FarmacistaPiù. Come sempre, Utifar partecipa a quel che può essere considerato un momento fondante per i farmacisti. Stiamo lavorando affinché il congresso sia un concreto spunto per il confronto, il dibattito, e per cercare di conferire sempre maggior unitarietà alla categoria.

╚ necessario capire tutti insieme che la nuova professionalità del farmacista deve volgersi al servizio del cittadino, cui bisogna dedicare tutta l'attenzione possibile.

Anche nell'edizione 2018 verranno assegnati tre premi: il Premio Giacomo Leopardi per la ricerca destinato a tesi di laurea o lavori scientifici, declinato su tre settori, nello specifico i farmaci biologici e la loro sostenibilità, l'aderenza terapeutica e il miglioramento degli esiti, l'antibioticoresistenza vista sotto i profili di prevenzione e monitoraggio.

Il premio dedicato all'indimenticabile generale Nas Cosimo Piccinno è destinato a premiare le iniziative dei farmacisti a sostegno del valore della solidarietà e, infine, il Premio dedicato a Renato Grendene, storico presidente di Utifar: con questo premio intendiamo riconoscere le esperienze innovative realizzate dal farmacista, al fine di ottenere più elevati livelli di governance a beneficio del paziente"

 

Eugenio Leopardi,
Presidente Utifar



"FarmacistaPiù significa aggiornamento professionale: argomenti pratici, attuali, contenuti di livello e stimolanti. Le sfide sono costanti per il farmacista, soprattutto in un momento di cambiamenti come quello che viviamo oggi.

Il congresso rappresenta l'occasione giusta per interrogarsi e cercare di definire il ruolo del farmacista del futuro.

Non è più sufficiente pensare ad un ripensamento generale: dobbiamo rivedere l'impianto della sanità pubblica, mantenendo i profili di etica della responsabilità in grado di assicurare i principi di solidarietà, a garanzia dell'efficacia del sistema e della nostra democrazia"

 

Enrica Bianchi,
Presidente Fondazione Francesco Cannavò